L'accoglienza legata alla migrazione sanitaria è un fenomeno importante e complesso che investe in modo significativo Milano ed è affidato esclusivamente alla realtà del volontariato di associazioni e parrocchie. Nella classifica nei primi 20 ospedali italiani che effettuano prestazioni a pazienti provenienti da fuori regione sei sono strutture milanesi. Se si aggiunge la presenza dei familiari accompagnatori stimiamo il bisogno complessivo di accoglienza in circa un milione di notti all'anno. Da due anni le Associazioni CasAmica, Prometeo, Marta Murizzo, Avo Milano e LILT Milano si sono riunite con l'obbiettivo di sviluppare un lavoro di rete per cercare di:
Coordinare e migliorare la risposta alla domanda di accoglienza a livello cittadino;
Promuovere la consapevolezza del bisogno a livello istituzionale per coinvolgerlo attivamente nella risposta attraverso l'offerta di qualche servizio;
Affrontare alcuni nodi formali che accompagnonano da sempre, in modo problematico, la nostra attività di accoglienza.
La prima fase del lavoro è stata di ricerca per rilevare i bisogni della migrazione sanitaria, attraverso un'intervista proposta a pazienti provenienti da fuori regione, ricoverati nei maggiori ospedali della città e agli ospiti delle case di accoglienza.